Consulenze psicologiche

Settore Psicologico

Per informazioni o appuntamenti,  chiamare i numeri 348 5930682 – 081.5793330  oppure inviare e-mail a:

claudiaruocco@libero.it   o   info@studiomedico-online.it

Tel. 081-5793330 – 348.5930682

Ulteriori  informazioni vai sul sito  www.claudiaruocco.it

Sono la dr.ssa Claudia Ruocco, Psicologa Clinica – Psicoterapeuta Funzionale – Osteopata, Operatrice Terapie AntiStress e Medicina Olistica (Kinesiologia – Fiori di Bach – Cromopuntura ).

Potrei elencarti tutti i miei titoli, ma credo che ti possa interessare di più capire se posso esserti d’aiuto come terapeuta.
Se ti trovi qui, non credere di essere il/la solo/a che sta attraversando un momento di buio o difficoltà.
Se sei qui è perché, molto probabilmente, stai attraversando un momento difficile per cui senti il bisogno di chiedere aiuto. La vita non è sempre una passeggiata ma è composta di attimi in cui ti fermi (o qualcuno/qualcosa ti ferma), ma poi sai che ripartirai più forte di prima.

Io sono qui per te, per questa ripartenza.

Se posso essere la persona giusta che fa al caso tuo, per il tuo cambiamento, puoi contattami per un primo consulto al  348.5930682

Il Settore  Psicologico dello Studio SMOL da me diretto, è in grado di fornire “assistenza psicologica”   per la valutazione di:

– Problematiche inerenti la sfera individuale sia dell’adulto che del bambino

– Problematiche inerenti la sfera delle relazioni nell’ambito familiare e/0 della coppia

– Problematiche  nell’ambito delle relazioni di tipo professionale.

Tale settore si avvale anche della collaborazione del dott. Aldo Ruocco ( neurologo ), per  la valutazione di  eventuali problematiche  neurologiche e/o psichiatriche.

La consulenza psicologica  può essere l’inizio di un percorso di sostegno psicologico o psicoterapeutico inerente:

  • l’adulto ( individuale e di gruppo )
  • la famiglia
  • la coppia
  • l’infante e/o l’adolescente con disturbi psicopatologici o con situazioni di sofferenza o disagio psicologico.

Ambiti di intervento:

  • Problematiche relative alla gestione delle Emozioni (gestione delʼaggressività, elaborazione della perdita/lutto, comunicazione efficace, insoddisfazione, inibizione sociale, gestione dell’ansia-paura…)
  • Disturbi d’ansia / attacchi di panico, fobie, ansia generalizzata
  • Disturbi dell’umore / depressione e stati depressivi, euforia, instabilità dell’umore
  • Problematiche affettive e relazionali (sociali, familiari, di coppia, lavorative …)
  • Stress cronico: gestione delle sintomatologie collegate (es: insonnia, emicranie ricorrenti, scarsa concentrazione, gastriti, vertigini, acufeni, dolori articolari, obesità …)
  • Ipocondria
  • Disturbi Psicosomatici – Somatopsichici
  • Disturbi del Comportamento Alimentare (es: anoressia, bulimia, obesità …)
  • Dipendenza: affettiva, al gioco, droghe, alcool
  • Disturbi di Personalità e del Carattere (es. disturbo ossessivo-compulsivo, evitante, passività-dipendenza, disturbo paranoide, borderline, bipolare, dissociativo,…)
  • Disturbi da Stress-lavoro-correlato
  • Terapia psicologica di supporto ad alunni con difficoltà di apprendimento
  • Problematiche relative all’Autostima e all’Assertività
  • Difficoltà/Crisi Decisionali e di Problem Solving
  • Difficoltà legate alle fasi della Crescita (es: adolescenza, gravidanza, menopausa, età anziana, pensionamento, lutto, perdite …)
  • Sostegno alla maternità
  • Sostegno alla coppia
  • Sostegno alla coppia genitoriale
  • Elaborazione del lutto e delle separazioni
  • Disturbi psicosomatici
  • Disturbo bipolare
  • Bassa autostima
  • Crisi adolescenziale

Neuropsicologia

Presso lo Studio è possibile essere sottoposti a diagnosi e cura delle seguenti patologie:

  • Disabilità fisico/mentale  degli  adolescenti
  • Patologie dello spettro autistico dei bambini ( tecnica ABA ).
  • Sindrome di Gilles de la Tourette;  questa sindrome viene approcciata sia da un punto di vista  psicologico  che  farmacologico. I farmaci impiegati sono o di  tipo tradizionale ( psicofarmaci ) o di tipo naturale ( omeopatici e omotossicologici ),   molto apprezzati sia dai bambini che dai genitori, che  stanno riscuotendo un buon consenso.

  • Patologie neurodegenerative ( da lievi  disturbi cognitivi fino a  patologie più  importanti quali  demenza  di  Alzheimer, Parkinson etc…; in  questi casi è possibile essere sottoposti a Test di valutazione neuropsicologica e controllo clinico neurologico in sede, per eventuale prescrizione di:  RMN, TAC, SPECT,  utili per una più precisa diagnosi e per monitorare l’evoluzione della patologia nel tempo.

DISTURBI COGNITIVI E VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA

I disturbi cognitivi sono alterazioni delle alte funzioni cerebrali quali intelligenza, attenzione, memoria, abilità di giudizio, pianificazione, funzioni esecutive (programmazione delle attività) e funzioni prassiche (successione delle attività),abilità visuospaziali, linguaggio, lettura e scrittura.

In età adulta un’alterazione di tali funzioni causa non poche difficoltà nell’adattamento socio/lavorativo, specialmente quando associata ad ansia, insicurezza e depressione.

Se il decadimento cognitivo è lieve, si ha una condizione clinica caratterizzata da una sfumata difficoltà in uno o più domini cognitivi (memoria, attenzione o linguaggio), tale però da non compromette le normali attività di una persona. Questo status viene definito con l’acronimo inglese MCI, che significa Mild Cognitive Impairment.
Frequentemente, i pazienti affetti da MCI presentano un significativo deficit di memoria, che può accompagnarsi ad un minor coinvolgimento di altre funzioni cognitive, quali il linguaggio, le abilità visuo-spaziali, le funzioni esecutive, le capacità di ragionamento. Le persone con MCI di solito incontrano qualche difficoltà ad ultimare alcuni compiti complessi. L’MCI è un fenomeno tutt’altro che unitario e generalmente si riferisce a uno stato di transizione tra il normale invecchiamento e la demenza lieve. Per tale motivo, alcuni pazienti, possono avere difficoltà nel ricordare avvenimenti o fatti avvenuti poche ore o pochi giorni prima, oppure avere difficoltà durante una conversazione, o avere momenti di disorientamento, perdita di interesse nelle proprie attività abituali, nei propri hobbies, con possibile tendenza depressiva e disturbi del sonno.

Classificazione del MCI
MCI amnesico: quando la persona lamenta un deficit di memoria isolato.
MCI non amnesico: quando la persona presenta un deficit isolato in una dominio cognitivo diverso dalla memoria, quale attenzione, linguaggio o funzioni esecutive.
MCI multidominio: quando la persona presenta deficit in più di una funzione cognitiva.

Come fare la diagnosi ?

L’esame neuropsicologico è, sicuramente, un test di grande utilità per valutare un disturbo cognitivo; esso consiste nella somministrazione di una serie di test ( semplici domande, fare calcoli, far vedere figure o far riprodurre figure al paziente ). che valutano alcune tra le più importanti funzioni cognitive (memoria, attenzione, linguaggio, funzioni esecutive, funzioni visuo-spaziali e prassiche, ragionamento logico, memoria di lavoro, etc.).

Cromopuntura

Questa metodologia messa a punto da Peter Mandel, viene, da me,  adoperata anche nell’ambito di una seduta di psicoterapia nei casi di ansia, insonnia, cefalea etc.

E’ una tecnica dolce, non invasiva, che si propone di operare un riequilibrio energetico, il cui effetto si fa sentire a livello somatico (rilassamento, miglior vitalità, benessere) ed a livello psicologico ( riequilibrio della componente temperamentale, concentrazione ).

 

Per informazioni telefonare ai numeri  (081.5793330 – Studio), 348. 5930682 ( Dott.ssa Ruocco Claudia ).

 

Link: https://it.wikipedia.org/wiki/Consulenza