081 579 33 30 340 53 92 770

Dietologia

La Dietologia è uno dei punti cardini del nostro Studio

Attività dello Studio:

Il paziente viene sottoposto ad attenta visita medica, prima della prescrizione di uno specifico programma dietetico.

Quindi è il medico che sceglie la migliore dieta in base alle problematiche che presenta il paziente.  

I tipi di dieta praticati presso il nostro Studio, sono:

1) Guna-Amino

2) Gruppo sanguigno

3) Star-Guo

  • Dieta Guna-Amino:

-Prevede un particolare programma dietetico che permette una rapida diminuzione del peso col  vantaggio che, alla sospensione della dieta, il peso rimane costante. E’ una dieta molto ben articolata e facile da seguire.

-Necessario,  durante tutto il periodo della dieta, il contatto telefonico giornaliero con il medico.

  • Dieta in base al gruppo sanguigno:

-E’ caratterizzata da più schemi dietetici in relazione al gruppo sanguigno del paziente.

La dieta non si basa sulla quantità degli alimenti da ingerire, ma sulla sua qualità.

  • Dieta iperproteica:

E’ la classica dieta che prevede l’eliminazione dei carboidrati e dei grassi ed è fatta solo con l’assunzione di proteine.

 

Dietologia e gruppi sanguigni

I gruppi sanguigni si sono sviluppati in epoche differenti e,  ognuno di essi, è  adattato ad una alimentazione specifica in base al periodo di riferimento.

Divione dei gruppi:

  • Zero  (50.000 anni fa)
  • B (10.000 anni fa)
  • A (8.000 anni fa)
  • AB (verso l’anno mille)

I nostri antenati avevano programmi biologici identici, ma nel tempo essi si sono gradatamente adattati alle diverse condizioni ambientali in cui i grandi gruppi umani trovavano la loro sistemazione.

Durante questa evoluzione si sono formati i gruppi sanguigni nei quali è contenuto il messaggio genetico relativo allo stile alimentare e comportamentale:

  • Zero = il cacciatore
  • A = l’agricoltore
  • B = il nomade
  • AB = l’enigmatico.

Ogni singolo  gruppo sanguigno ha  una “intolleranza” verso certi cibi che causano fenomeni di agglutinazione e una determinata predisposizione all’attività fisica.

Fra alimenti e gruppo sanguigno esisterebbero specifici rapporti in quanto, tra sangue e cibo si verifica una reazione chimica che fa parte del nostro patrimonio genetico.

Di conseguenza il sistema digestivo e quello immunitario ad esso strettamente connesso,  conservano una “memoria” e, quindi, una predilezione per i cibi consumati dagli antenati di quel determinato gruppo sanguigno.

 

Dietologia: caratteristiche legate ai gruppi sanguigni:

Gruppo zero:

E’ il capostipite dei vari gruppi sanguigni e può ricevere soltanto sangue analogo (donatore universale); possiede un sistema immunitario forte e reattivo.

Ha un fisico atletico e una predisposizione per i cibi di origine animale.

E’ considerato una specie di cacciatore al quale giovavano le proteine della carne.

I soggetti appartenenti a questo gruppo, traggono beneficio dalle diete iperproteiche e chetogenetiche come la dieta a zona.

Non prediligono  latticini, legumi, cereali (pane, pasta), riso, patate, vino bianco. Sono soggetti che dovrebbero svolgere regolarmente attività fisiche pesanti.

Questo gruppo ha problemi alle articolazioni, allo stomaco e alla coagulazione

Gruppo A:

I pazienti di questo gruppo preferisce uno stile di vita più sedentario

E’ l’agricoltore comparso soltanto in tempi successivi quando l’uomo conobbe l’agricoltura è modificò la propria dieta nel periodo in cui si verificarono gli stanziamenti nell’agricoltura. 

L’alimentazione fatta di cereali, provocò modificazioni a carico del sistema immunitario, con un suo potenziamento nei confronti di nuovi agenti estranei.

Comparve l’antigene A per cui, ai portatori di tale gruppo sanguigno giova una dieta ricca di alimenti vegetali e cereali, frutta con una limitazione del consumo di carne, birra, latticini o fagiolini

Poiché l’agricoltore svolge un lavoro meno pesante rispetto al cacciatore, ai pazienti di questo gruppo viene consigliata una attività fisica “rilassante” o comunque non troppo impegnativa (golf, yoga ecc. ).

Il gruppo A soffrirebbe particolarmente di anemia, disturbi epatici e cardiocircolatori, diabete di tipo I, neoplasie.

Gruppo B:

E’ tipico dei nomadi dell’Asia Centrale, delle zone fredde e montagnose del Pakistan e dell’India, che devono sfuggire al clima torrido delle savane.

Privilegia verdure a foglia verde, carne, uova e latticini.

Ha un sistema immunitario e digestivo tendenzialmente molto efficace. Compare l’antigene B, caratteristicamente più raro nell’occidente europeo.

I pazienti di questo gruppo  sono le uniche che possono consumare latticini con una certa libertà. Gli unici alimenti sconsigliati sono quelli ricchi di conservanti e di zuccheri semplici.

E ssi privilegiono attività fisica leggera e  un’importante componente mentale (tennis, camminata). Il gruppo B ha tendenza al diabete, alla sindrome da affaticamento cronico e malattie autoimmuni.

Gruppo AB:

E’ l’unione del gruppo A e B.

E’ il gruppo più recente e più raro ma anche il più equilibrato; è il più fortunato dal momento che, essendo privo di anticorpi specifici, può ricevere sangue sia da donatori di tipo A, B, AB e zero (ricevitore universale).

Può donarlo solo al tipo AB, altrimenti distruggerebbe tutti i globuli rossi dell’estraneo.

Eredita la tolleranza di entrambi i tipi A e B ed  è specializzato nella produzione di anticorpi.

Ha difficoltà nel riconoscere sostanze estranee in possesso di antigeni A o B e si colloca sul gradino più alto della scala evolutiva.

E è descritto come l’enigmatico, ponendosi a metà tra il gruppo A ed il gruppo B. Può quindi consumare con moderazione un po’ tutto i cibi, senza esagerare con i latticini.

Può mangiare tofu, verdure verdi, pesce, frutti di mare, ananas, ma nessuna carne rossa o semi

L’AB ha tendenza a patologie cardiocircolatorie, anemie e neoplasie.

dietologia

dietologia

Link:  https://it.wikipedia.org/wiki/Dietetica

Richiedi subito informazioni su questo servizio

Compilare il form sottostante esponendo la propria richiesta.

CONTATTACI SUBITO

Tel. Fisso

Cellulare

WhatsApp

E-Mail