Magnetoterapia Medica Napoli – Tens

Finalmente a Napoli, nel N/s Studio, un apparecchio di magnetoterapia professionale dalle altissime prestazioni.

La nostra magnetoterapia PMST-NEO – NIRS, è di livello superiore rispetto alle classiche magnetoterapie a noleggio, sulle cui prestazioni ed efficacia si nutrono molti dubbi. Essa, attraverso un circuito radiante contenuto in un apposito applicatore ergonomico (bobina elettromagnetica ad anello), sviluppa un flusso di 50.000 Gauss,  con azione profonda nei tessuti fino a 18 cm, senza determinare alcun effetto riscaldante e generando sia un campo magnetico ad alta intensità e bassa frequenza ( 1-100 Hz ), che un campo magnetico a bassa intensità e alta frequenza (1000 – 3000 Hz). Tale caratteristica è unica e non ha eguali.

Inoltre, all’anello magnetico, è possibile collegare un applicatore  a raggi infrarossi ( NIRS ), a 940nm / 640nm / 620nm che completa e migliora gli effetti terapeutici della magnetoterapia.

Magnetoterapia Medica Napoli, che cos’è

La magnetoterapia è una terapia fisica strumentale che utilizza i campi elettromagnetici per ristabilire l’equilibrio delle cellule quando esse vengono danneggiate.

Le cellule del nostro organismo hanno un loro normale potenziale elettrico ( definiro potenziale elettrico di membrana ), che oscilla tra -55 e -90 mv. Più basso è questo valore, più bassa è la vitalità delle cellule. Nel caso di scarsa vitalità delle cellule, la magnetoterapia può reintegrare la carica elettrica persa, trasferendo loro le cariche elettriche. Si agisce sulle cellule del corpo umano ricaricandole di energia.

Per quante ore al giorno si può fare la magnetoterapia ?

Le classiche sedute di magnetoterapia, richiedono tempi di trattamento medio-lunghi per cicli di 45-90 giorni della durata di 3-4 ore giornaliere.

Il trattamento con la nostra magnetoterapia pulsata PMST-NEO, prevede, invece, sessioni di trattamento della durata di 20 minuti che vengono fatte solo 2 volte a settimana, per un massimo di 10 sedute.

Differenze tra magnetoterapia classica e CEMP

La Magnetoterapia classica utilizza campi magnetici costanti attraverso l’uso di magneti permanenti (calamite comuni) di scarsa potenza e con azione riscaldante sui tessuti.

La Magnetoterapia CEMP, il cui acronimo è Campi Elettro Magnetici Pulsati, si basa su un meccanismo diverso di bassa o alta frequenza, con pulsazione del campo elettromagnetico che si attiva e si disattiva in rapida sequenza ( a intermittenza ), in grado di stimolare la cellula ed a favorirne la rigenerazione.

Tale magnetoterapia riesce a trattare i più svariati disturbi e patologie grazie all’impostazione di frequenza, intensità e tempo di applicazione,  calibrati a seconda della necessità di ogni paziente e in relazione a fenomeni acuti e temporanei (quali contratture muscolari, presenza di tutori o gesso ), o cronici (osteoporosi, recupero post operatorio per impianti protesici, osteonecrosi, ritardi di consolidamento).

Magnetoterapia ad Alta frequenza/bassa intensità ( PMST-NEO )

Ha una capacità di penetrazione nei tessuti profonda ed è utile nelle patologie croniche.

Cosa può curare ?

Patologie dolorose

Edemi – Deficit del flusso e della velocità di scorrimento del sangue periferico

Cellulite, linfedema, rughe

Ritardi dei processi di guarigione dei tessuti molli e invecchiamento dei tessuti.

Tutte le forme infiammatorie profonde e superficiali dei tessuti.

Magnetoterapia a Bassa frequenza/alta intensità (MT )

Questo tipo di magnetoterapia ha un’azione più superficiale ed è utile nelle forme acute.

Determina scarso effetto termico e una buona penetrazione nel corpo, con efficace ripristino della normale attività cellulare.

Cosa può curare ?

Fratture ossee, anche in presenza di tutori in gesso. Utile in caso di fratture recenti e ritardi di consolidamento osseo in quanto favorisce la ricalcificazione ossea (osteogenesi). 

Osteoporosi – Traumi ossei

Impianti protesici – Osteonecrosi

Lesioni cartilaginee – Cervicalgia

Distorsioni – Contratture muscolari

Dolori reumatici e muscolari – Dolori lombo-sacrali

Artrosi, artriti, epicondilite – Fibromialgia.

Risulta idonea anche nel trattamento dei tessuti molli, ferite cutanee, infezioni e infiammazioni.

Magnetoterapia e consolidamento di fratture ossee

La frattura è una lesione che, per sua natura, tende spontaneamente a riparare con formazione di tessuto osseo neoformato ( callo osseo ). La consolidazione avviene normalmente entro un determinato periodo di tempo che rappresenta il “tempo normale di consolidazione”, che va da un minimo di 15-20 giorni a un massimo di 5-6 mesi.

Nel caso di fratture che richiedono tempi di guarigione più lunghi, oltre alle terapie tradizionali, un valido aiuto può essere fornito dalla magnetoterapia CEMP.

Questa, infatti, è particolarmente indicata in tutte le patologie caratterizzate da dolore e infiammazione e per la stimolazione della formazione del callo osseo. La terapia, con i comuni apparecchi di magnetoterapia, va usata per circa 6-8 ore al giorno, da un minimo di 2 settimane fino a 5-6 mesi nei ritardi di consolidazione. Con il nostro apparecchio PMST NEO con l’aggiunta della luce ad infrarossi NIR, i tempi e le sedute si accorciano notevolmente.

Infatti bastano 2 sedute a settimana della durata di 20 minuti ciascuna, per un massimo di 10 sedute, per avere ottimi risultati.

Differenza tra magnetoterapia e tecar

La tecar è una corrente a radiofrequenza ( come gli ultrasuoni ) che provoca una determinata risposta termica all’interno del corpo (termoterapia) che, a differenza della magnetoterapia, produce calore e non è quindi indicata per contrastare contusioni e distorsioni; essa, comunque, ha azione analgesica e antinfiammatoria.

————

TENS  ( “Transcutaneous-Electrical-Nerve-Stimulation” – stimolazione elettrica nervosa transcutanea).

E’ una stimolazione  che prevede  un elettrostimolatore che emette impulsi elettrici che stimolano i nervi attraverso la cute.

E’  una metodica di uso comune soprattutto in ambito fisioterapico, con finalità analgesico-antalgiche di estrema efficacia, di facile utilizzo e a basso costo.

La semplicità della Tens ne consente l’utilizzo anche a domicilio da parte del paziente per l’intero ciclo terapeutico.

La tecnica prevede l’applicazione di placche elettroconduttive sulla cute, che convogliano  particolari impulsi elettrici  eccitanti solo le fibre nervose della sensibilità tattile situate sotto la pelle.

Gli impulsi nervosi così prodotti, attraverso i nervi sensoriali, risalgono verso il midollo spinale bloccando a questo livello “la porta di ingresso al dolore” (teoria del gate control).

Indicazioni della TENS:

L’uso della TENS è particolarmente utile nella Terapia del Dolore.

E’ controindicata nei portatori di stimolatori cardiaci e donne in stato di gravidanza o allattamento; soggetti con turbe del ritmo cardiaco;
ferite, piaghe.

E’ indicata nella risoluzione di molte patologie osteo-mio-articolari, dei tendini, dei legamenti e neuronali.

  • Artrosi
  • Affezioni muscolari dolorose
  • Nevriti
  • Radicoliti (sciatalgia, cruralgia etc.)
  • Dolore cronico muscolo-scheletrico
  • Nevralgie

 

Prenota ORA una Visita Specialistica c/o il Ns. Studio Medico di Napoli