081 579 33 30 340 53 92 770

Iridologia

Notizie sull’Iridologia

La scoperta dell’iridologia è attribuita al medico omeopata ungherese Ignatz von Peczely, che nel 1886 pubblicò, sulla Rivista Homeopatische Monatsblatter, la prima mappa iridea.

L’idea di base della iridologia è che in ciascuna delle due iridi esisterebbe una rappresentazione topografica delle varie parti del corpo.

In presenza di un’anomalia organica, la corrispondente zona dell’iride manifesterebbe alterazioni caratteristiche ( variazioni nella trama, nel colore, comparsa di macchie etc…).

Sull’iride resterebbero impresse le tracce di tutte le malattie pregresse ed è  possibile cogliere anche segni di una predisposizione ad ammalarsi.

Le informazioni che si possono desumere dall’esame dell’iride riguardano, comunque, solo l’organo colpito ma non il tipo di malattia.

L’iride è molto vascolarizzata ed è sotto l’influenza del sistema nervoso vegetativo (simpatico e parasimpatico).

E’  formata da tessuto connettivo non ricoperto da cellule fibrose opache, per cui il suo studio ci permette di osservare la qualità del nostro tessuto connettivo.

L’iridologia può  valutare:

  • La costituzione del soggetto e  la sua predisposizione e/o tendenza ad alterazioni funzionali ed organiche
  • Le predisposizioni genetiche
  • Lo stato generale del paziente, le debolezze organiche
  • I sovraccarichi tossinici e la capacità di drenaggio
  • Le alterazioni dei minerali
  • Lo stato del sistema immunitario
  • Il bilancio acido/base

L’iridologia deve sempre essere accompagnata da un’anamnesi corretta e da metodi diagnostici complementari che possano confermare le predisposizioni riflesse dell’iride.

Secondo il medico-iridologo Josep Lluis Berdonces: “…fare una diagnosi esclusivamente iridologica senza prendere in considerazione ciò che dice il paziente o i risultati delle indagini, rientra nel campo della divinazione o della cabala, ma non in quello della scienza medica”.

E’ necessario quindi che i pazienti si affidino non all’iridologo, ma al medico  iridologo, in quanto non bisogna  osservare l’occhio e i suoi segni, ma interpretarli  e metterli in relazione con i sintomi riferiti dal paziente, per fare una corretta diagnosi.

Come si esegue un esame iridologico

L’esame viene eseguito mediante una strumentazione particolare chiamata iridoscopio.

Il paziente, sottoposto all’indagine iridoscopica, ha la sensazione di praticare un esame oculistico.

L’esame ha una durata non lunga necessaria, al medico-iridologo, di annotare tutti i segni rilevati sull’iride.

I segni rilevati andranno ad integrare tutti gli esami strumentali in possesso del medico per una corretta diagnosi.

NB: mediante l’esame iridologico non si può fare diagnosi, ma esso ha una grossa valenza nell’ambito del percorso diagnostico.

Link: https://it.wikipedia.org/wiki/Iridologia

Prenota ORA una Visita Specialistica c/o il Ns Studio Medico di Napoli 

Richiedi subito informazioni su questo servizio

Compilare il form sottostante esponendo la propria richiesta.

CONTATTACI SUBITO

Tel. Fisso

Cellulare

WhatsApp

E-Mail